Osteopatia per Adulti

fisio1-1

Principali Patologie Trattate

 

La vertigine è definita come una percezione alterata della posizione del corpo rispetto ad un punto di riferimento che causa di conseguenza disturbi dell’equilibrio statico e dinamico. Spesso le persone usano il termine ‘vertigine’ per descrivere sintomi quali: giramento di testa, sbandamento, stordimento, debolezza oltre al senso di nausea. Solo l’esame clinico permette di poter differenziare una vera vertigine da una pseudovertigine. 

La vertigine posizionale parossistica benigna è la causa più frequente di vertigini che interessa prevalentemente i soggetti  anziani. E’ caratterizzata da episodi di vertigine della durata inferiore ad un minuto in seguito ad alcuni movimenti e posizioni del capo. Il trattamento medico si basa sull’esecuzione di manovre speciali di riposizionamento degli otoliti, piccolissime formazioni che possono distaccarsi muovendosi all’interno dei canali semicircolari dell’orecchio interno e fornendo così informazioni errate sulla posizione dello capo nello spazio. Le cause sono molteplici e per lo più dovute a traumi, infezioni e disordini vascolari, mentre i sintomi possono comprendere anche acufeni (ronzii nelle orecchie) e ipoacusia (perdità parziale dell’udito).

Il trattamento osteopatico nella vertigine parossistica benigna prende in considerazione tutti le componenti dell’equilibrio, come la vista, l’udito, l’apparato vestibolare o dell’equilibrio, l’appoggio del piede e la funzionalità dei muscoli antigravitari, quelli che permettono il mantenimento della postura in stazione eretta. Lo scopo ultimo è quello di eliminare le restrizioni di mobilità a diversi livelli del corpo al fine di migliorare la funzionalità della colonna vertebrale, della giunzione cranio-cervicale e  dell’appoggio plantare. 

Contenuto commutatore

Contenuto commutatore

Contenuto commutatore